Oggi è ...

SIAE: l'equo compenso per copia privata non è una tassa

Avv. Tramacere: “I diritti d'autore sono sacri e dovranno essere sempre pagati”

di Silvia Valenti - 21 febbraio 2014
3835

Il diritto d’autore, un settore complesso e sul quale anche gli addetti ai lavori spesso non hanno le idee chiare. Analizziamo i regolamenti con l’aiuto di uno dei maggiori esperti in materia, l’Avv. Giorgio Tramacere. Lo facciamo durante la settimana del festival di Sanremo proprio perché al Palafiori è stata organizzata una giornata di convegni dedicati al tema, ai quali hanno partecipato numerosi avvocati. L’equo compenso sulla copia privata, nell'ultimo periodo, è stato oggetto diverse diatribe, alle quali ha preso parte anche Gino Paoli, presidente SIAE.

 


Avv. Giorgio Tramacere esperto in diritto d'autore
Che cosa s’intende per diritto all’equo compenso per le copie private?
Innanzitutto, per dovere di chiarezza, per “copia privata” s’intende una royalty forfetaria riconosciuta all’autore, al produttore e all’artista per i supporti vergini fonografici o audiovisivi venduti, in cambio della possibilità concessa al privato di poter riprodurre le opere protette dal diritto d’autore, su altro supporto (cd vergine, hard disk, lettore mp3, ecc.) solo ad uso personale e senza scopo di lucro. Il compenso per la copia privata non viene corrisposto dal privato, ma esclusivamente da coloro che fabbricano, importano o distribuiscono nel territorio dello Stato gli apparecchi ed i supporti che consentono la riproduzione di fonogrammi e di videogrammi. La legge ha affidato alla Siae il compito di riscuotere, direttamente dai questi soggetti, i compensi per le copie private e di ripartirli in proporzione agli autori, agli editori, ai produttori e agli artisti interpreti o esecutori. Tali compensi sono sicuramente di molto inferiori al costo di una versione originale, che si sarebbe costretti a versare se non fosse stato introdotto il diritto di copia privata.

 

Quindi si può scaricare un brano da internet senza essere multati se lo si salva su un supporto per uso privato?
Quel meccanismo ha introdotto il principio che ognuno può effettuare legalmente una copia del proprio disco originale o di un brano scaricato, sottolineo, lecitamente dalla rete, senza chiedere il permesso ai titolari del diritto. Tale istituto, introdotto in Italia con la L. 93/1992, è stato disciplinato con il d.lgs 68/2003, in attuazione della Direttiva 2001/29/CE.

Il diritto alla copia privata vige attualmente nella maggior parte dei Paesi europei. Non in tutti però: nel Regno Unito, per esempio, dove permane tuttora per il consumatore il divieto di copia privata ad uso personale. È chiaro, quindi, che il diritto alla copia privata, così come riconosciuto in Italia, è un vantaggio per il consumatore e non una “tassa” come è stato definito ultimamente.
Il TAR Lazio nel marzo del 2012, nel respingere nella loro totalità i ricorsi promossi dai grandi produttori come Apple, Samsung e altri, con l’intervento di associazioni dei consumatori, ha riconosciuto legittimo il diritto spettante agli autori e produttori di percepire il compenso dalla copia privata, precisando la natura corrispettiva e indennitaria di tale compenso. D’altro canto il compenso per copia privata, non potrebbe mai essere assimilato ad un’imposta tributaria o tassa, perché esso non è destinato allo Stato, ma previsto proprio quale corrispettivo per i titolari del diritto d’autore.
Inoltre è necessario considerare che la diffusione della musica avviene, oggi, prevalentemente tramite copie trasferite su smartphone e tablet. Al contrario la produzione di fonogrammi tradizionali, come i CD, costituisce un mercato sempre più residuale. Risulta dunque evidente che l’equo compenso per la copia privata costituisce il necessario bilanciamento tra la libertà del consumatore all’utilizzo di musica e il diritto ad un corrispettivo per coloro che dedicano la propria attività lavorativa alla musica e alla cultura.

 

Sono realmente compensi equi?
In realtà no, Quanto meno in Italia, sono ridicoli. Non sono stati adeguati dal 2009, nonostante l’enorme incremento della vendita dei nuovi strumenti tecnologici quali smartphone e tablet. Ad oggi le tariffe applicate in Germania e in Francia agli smartphone sono rispettivamente quaranta e dieci volte superiori a quelle applicate in Italia.

Infatti, sulla vendita di ogni iPhone 5S da 64GB i compensi per copia privata che la Apple deve versare alle società di collecting musicali sono pari a: 36,00euro in Germania; 22,10 euro in Francia e soli 90 centesimi di euro in Italia! Pertanto la proposta di adeguamento del compenso fisso, che era indicata nella bozza del Decreto Ministeriale a soli 5.20 euro anziché a 0,90 era un intervento non solo dovuto per tutti gli aventi diritto, ma era il minimo per iniziare un avvicinamento alle tariffe degli altri Paesi europei. Nell’auspicare un imminente adeguamento dei compensi, ritengo che non sia conveniente per nessuno negare alle categorie degli autori, dei produttori, degli artisti e a tutti quelli che operano nel settore della musica, il giusto compenso per la loro attività lavorativa. Il concetto di musica gratis per tutti ucciderà inevitabilmente la musica.


L'autore

Silvia Valenti

Silvia Valenti è nata a Bergamo nel 1984.
Laureata in Comunicazione Politica e Sociale presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Milano, è giornalista professionista dal 2012.
E’ corrispondente per Repubblica TV, coordinatrice di Benessere.com Tv e direttrice della rivista BMag Bergamo Magazine e del giornale online Fratelli d'Arte Magazine.
Nel 2013 ha collaborato all'organizzazione del “Concerto di Primavera”, evento musicale di beneficenza con 10 grandi interpreti della canzone italiana, che ha visto al Teatro Donizetti di Bergamo il gemellaggio tra la banda dell’Accademia della Guardia di Finanza e la Sanremo Festival Orchestra.
Dal 2010 al 2012 è stata giornalista, reporter e conduttrice presso l’emittente televisiva locale Videobergamo.
Dal 2011 al 2012 ha collaborato come freelance per il mensile economico finanziario Credit Magazine.
Nel 2010 ha lavorato come addetta stampa e organizzatrice di eventi per Legambiente Bergamo Onlus.
Dal 2007 al 2010 ha collaborato con la rivista di approfondimento culturale Dedalus.
E’ appassionata di fotografia, letteratura e nuove tecnologie.
Cerca
Interviste - Ultime news...
19 set 2018 | 1931
20 feb 2018 | 4673
13 set 2017 | 3951
10 ago 2017 | 2222
28 apr 2017 | 1786
24 apr 2017 | 2285
2 feb 2017 | 5284
21 nov 2016 | 2251
15 nov 2016 | 2136
18 ott 2016 | 2113
4 ott 2016 | 4096
11 ago 2016 | 5258

Interviste

Visualizza tutti gli articoli
Fratelli d'Arte Magazine - Testata giornalistica registrata - Reg. Trib. di L'Aquila n. 4/13
Direttore responsabile Silvia Valenti - Contatti: redazione@fratellidartemagazine.it 
© 2013 Fratelli d'Arte Associazione Nazionale - Tutti i diritti sono riservati - Realizzato da oasiWEB